il radar

Archive for the ‘futuro’ Category

Elezioni Usa 2012, Obama vs Romney, le mie previsioni.

In estero, futuro, informazione, politica on 6 novembre 2012 at 21:01

Sarà il fascino della diretta notturna, il prestigio della Casa Bianca, la sfida a quell’icona chiamata Obama che quattro anni fa fece letteralmente sognare il mondo. Stasera, però, come sono solito fare ogni 4 anni da Clinton in poi, seguirò l’assegnazione dei voti elettorali per la nomina del 45° Presidente degli Stati Uniti d’America.

Ho letto molte previsioni, analisi sulle intezioni di voto, opinioni di questa o quell’area della società americana a favore dello sfidante Romney piuttosto che del Presidente Obama.

Su tutti vorrei segnalare alcuni articoli:
L’America guarda altrovedi Bernard Guetta. A prescindere dal risultato delle presidenziali, l’interesse degli Stati Uniti per il vecchio continente è destinato a calare. Il futuro degli equilibri mondiali si gioca nei paesi emergenti, e anche l’Europa dovrà rivolgersi a est;

Tra Obama e Romney votiamo per noi” di Mario Platero. Il risultato delle elezioni del 6 novembre non cambierà molto nei rapporti transatlantici: il riavvicinamento con gli Stati Uniti dipende soprattutto dalla capacità dell’Europa di tirarsi fuori dalla crisi;

The Choice” L’enorsement a Obama da parte degli editori di “The New Yorker“.

Di seguito utilizzando la mappa interattiva del New York Times ho ipotizzato tre  scenari di voto.

1) Vittoria sul filo di lana per Obama: Obama perde Florida, Ohio e Wisconsin ma riesce a confermarsi in Iowa, Colorado, Virginia e New Hempshaire. Risultando eletto con avrà 275 voti contro i 263 di Romney.

2) Vittoria di misura per Obama: i democratici perdono Florida, Nevada e Colorado ma riescono a tenere in Ohio, Wisconsin, Iowa, Virginia e New Hempshaire. Con margine maggiore ovvero 288 voti su 250 Romney, Obama diventerebbe il 45° Presidente degli Stati Uniti.

3) Vantaggio per Romney con 10 voti “to close to call”: i democratici perdono Florida, Nevada, Ohio e Colorado dando ai repubblicani 268 voti. Riescono a tenere in Wisconsin e Virginia. Obama avrebbe 260 voti con due stati New Hempshaire e Iowa che dovrebbero portare i 10 voti per vincere al fotofinish per 270 a 268.

Leggi il seguito di questo post »

Mario Monti: capro espiatorio della seconda Repubblica, o quasi.

In economia, elezioni, fermare il declino, futuro, giovani, Italia, politica on 4 settembre 2012 at 18:31

Non è affatto una apologia al Primo Ministro. Si tratta di una accusa alla politichetta della seconda Repubblica e all’agire dell’attuale Governo che è chiaro a tutti – anche agli osservatori esteri – si è lasciato impantanare nella “melma dei privilegi” e delle “caste italiote”.

Sembra ieri e sono passati vent’anni. Manipulite, il sipario sulla prima Repubblica, le speranze riposte nella nuova politica, l’imprenditore prestato alla politica, “sceso in campo”, il restyling della nuova sinistra, la Lega e la questione settentrionale. Quante nuove idee, quanti nuovi volti e voglia di rinnovamento. Persino dall’estero ci invidiavano. Invidiavano quello che avevamo fatto grazie alla magistratura, vedevano l’Italia svoltare, uscire forse una volta per tutte da quella melma di affarismo-lobbismo-gruppi di potere che la inchiodavano da anni sempre agli stessi problemi. E poi?

E poi, oggi col senno di poi, non è cambiato nulla, anzi!

Tutte quelle forze che si erano proclamate rinnovatrici non hanno fatto altro che, una volta conquistato e occupato il potere, reiterare se stesse. Una classe dirigente politica aristocratica, inamovibile, oligarchica. La democrazia trasformata in potere per investitura (anche ereditario in alcuni casi). Da eletti a nominati, partiti personali (o “ad personam”), spartizione delle poltrone, lotizzazione degli enti e delle aree di interesse, e tutto il peggio della prima Repubblica tangenti e corruzione comprese. Leggi il seguito di questo post »

Le Olimpiadi il giorno dopo, austerity e cultura, Berlino e i “cyber bohémien”.

In cultura&arte, economia, estero, futuro, giovani, informazione, rassegna stampa on 14 agosto 2012 at 15:38

Le città sono deserte o semi-deserte, le spiagge al solito affollate (alla faccia della crisi). Il sottoscritto si gode qualche giorno ancora di meritata solitudine urbana poi partirà. Leggo molto, leggo molta stampa estera. Gli articoli che commento e segnalo sono tratti da PressEurope.

Le ultime settimane sono state una full immersion nelle Olimpiadi, l’evento è costato miliardi di euro, qualcuno dice che sono state un affare per Londra e la Gran Bretagna, per altri l’evento è stato prettamente televisivo senza portare lo sperato indotto sulla città di Londra.

I giochi valgono la candela? > articolo di “La Vaguardia/Barcellona”

La cosa è interessante per noi “italioti” per due ragioni: 1) tutti quelli che si affannano nella speranza che Expo 2015 porti soldi anche alla province e città intorno a Milano se ne facciano una ragione, non accadrà (ma ritornerò – prometto – sulla cosa in futuro…avendo visto altri expo qualcosa l’ho capita sul campo); 2) tutti quelli che hanno gridato allo scandalo per la rinuncia italiana (da parte di Monti) alle Olimpiadi romane si ricrederanno, quei soldi sarebbe meglio (ormai il condizionale non serve più!) spenderli in altro modo.

Finite le Olimpiadi si torna al lavoro > articolo di “The indipendent / Londra”

Leggi il seguito di questo post »

L’ayatollah Grillo sulle Olimpiadi: stia zitto!

In futuro, globalizzazione, informazione, Italia, politica, società on 6 agosto 2012 at 15:33

Stavo scrivendo alcune considerazioni sui nostri azzurri che, in un Paese catto-calcistico come il nostro, sembrano “figli di un dio minore“.

Poi arrivano le assurdità di Grillo sulle Olimpiadi. Come al solito la sua ragione sopra ogni cosa.

Spesso non ho condiviso i toni o le soluzioni proposte (quando si è preoccupato di proporle) ma mi ha trovato d’accordo sui problemi (corruzione, non eleggibilità di indagati o inquisiti, finanziamento dei partiti, sperpero delle risorse pubbliche, necessità di riformare il sistema, azzeramento di questa classe di politicanti inetti, ecc.).
Contro le Olimpiadi, però, ha sbattuto col muso!

Questo modo di pensare è limitato, auto-limitante e se imitato può portare a “tragedie” peggiori di quelle viste con i pasdaran padani o i berluscones in doppiopetto.

In corsivo e tra «virgolette» Grillo, in grassetto le mie considerazioni.

Leggi il seguito di questo post »

Alfano e Brunetta scopiazzano – male – il programma di “fermare il declino”, sono alla frutta!

In elezioni, fermare il declino, futuro, Italia, noise from amerika, politica on 3 agosto 2012 at 23:54

Le proposte di fermare il declino attirano l’attenzione del Pdl. Così mentre nei primi 4 giorni di pubblicazione oltre 11.000 cittadini, tra cui il sottoscritto, firmano on-line il manifesto e le proposte per rilanciare il Paese, il duo Alfano-Brunetta pensa bene di copiarle e farle loro. Cercano goffamente di utilizzare gli ultimi scampoli di palcoscenico mediatico che ancora (mi piace sottolineare la congiunzione!) riescono ad elemosinare. Si dimostrano degni rappresentanti di quella politica che, senza più idee e incapace di rinnovarsi e rinnovare, cerca solo di conservare il potere e “mettere il cappello” su proposte – altrui – innovative e intelligenti senza nemmeno comprenderle. Come leggerete di seguito fanno solo una pessima figuraccia.

Pubblico per intero l’articolo di noise from amerika (sito che vi consiglio di leggere!).

Quelli che sbagliano anche quando copiano: il caso Alfano-Brunetta

Dove si commenta la raffazzonata scopizzatura del programma di fermare il declino da parte del PdL. Leggi il seguito di questo post »

Cambiare la Politica, fermare il declino,tornare a crescere

In economia, fermare il declino, futuro, giovani, Italia, politica, società on 30 luglio 2012 at 19:44

“Dobbiamo fermare il declino italiano, di cui la crisi finanziaria è solo un’aggravante”. Qualcuno con le idee chiare ancora c’è. Di seguito il manifesto tratto da fermare il declino (promotori: Michele Boldrin, Sandro Brusco, Alessandro De Nicola, Oscar Giannino, Andrea Moro, Carlo Stagnaro, Luigi Zingales); buona lettura!

La classe politica emersa dalla crisi del 1992-94 – tranne poche eccezioni individuali – ha fallito: deve essere sostituita perché è parte e causa di quel declino sociale che vogliamo fermare. L’Italia può e vuole crescere nuovamente.

Per farlo deve generare mobilità sociale e competizione, rimettendo al centro lavoro, professionalità, libera iniziativa e merito individuale. Affinché l’interesse di chi lavora – o cerca di farlo, come i giovani e tante donne – diventi priorità bisogna smantellare la rete di monopoli e privilegi che paralizzano il paese. I problemi odierni sono gli stessi di vent’anni fa, solo incancreniti: l’inefficienza dell’apparato pubblico e il peso delle tasse che lo finanziano stanno stremando l’Italia. Perdendo lavoro e aziende, migliaia di persone non sono più in grado di produrre e milioni di giovani non lo saranno mai. Leggi il seguito di questo post »

L’informazione ai tempi dello “spread” e del “revival” politico seriale.

In economia, futuro, giovani, informazione, Italia, politica, rassegna stampa, società on 16 luglio 2012 at 18:18

“Una società – dice John Nasbitt – riesce ad avere una preoccupazione alla volta”, cosa abbiamo “scelto” in Italia?

Non passa giorno, da quasi un anno, che le aperture di tutti i telegiornali siano dedicate a notizie economiche. Conferenza stampa di Draghi, azione (o intento) della BCE, il G8 o il G20. Meeting vari tra i capi di stato europei, riunioni urgenti per la crisi o lo scudo anti-spread. Le quotazione dell’Euro, l’indice di Milano, quello di Parigi, Francoforte o Madrid. E ancora le elezioni in Grecia e le banche in Spagna. Il rating di Moody’s o quello di Standard&Poor’s. Leggi il seguito di questo post »

Berlusconi si ricandida: “torni a bordo, cazzo!”

In elezioni, futuro, Italia, politica on 12 luglio 2012 at 14:03

C’è davvero poco da aggiungere. La telefonata di De Falco a Schettino è ormai celebre. In quei giorni – quelle parole – furono indicate come la metafora dell’Italia e degli italiani, dalla stampa estera e soprattutto, visto che ci conosciamo bene, da noi tutti.

In molti lo sospettavano, in molti non avevano mai tirato completamente il sospiro di sollievo, qualcuno ci sperava ancora. Ebbene sì: il Cavaliere si era solo “allontanato”, era solo una “pausa di riflessione”. La storia d’amore con il suo elettorato, con i suoi sostenitori aveva bisogno di questa vacanza.

Alfano, mai veramente “sceso in campo”, rottamato con poche righe di agenzia. Berlusconi: «Gli imprenditori vogliono il mio ritorno». Alfano: «Berlusconi candidato? Sarò con lui» [Corriere della SeraLeggi il seguito di questo post »

Balotelli, Travaglio e Saviano: l’Italia che cambia?

In futuro, giovani, Italia, società on 3 luglio 2012 at 17:18

Cambia Italia, cambia. Mi sembra di stare davanti ad una statua di marmo augurandomi che qualcosa di miracolso accada. Eppure qualcosa sta cambiando, è davvero impercettibile, serve eliminare l’assordante rumore di fondo, ma nel sottobosco della nostra società qualcosa si sta muovendo veramente. Ma chi o meglio cosa?

Ho preso tre esempi, tre nomi, che una settimana fa difficilmente avremmo potuto accomunare in una stessa logica, eppure…

Balotelli, una nuova icona.

Affermazione tutt’altro che banale. Quella foto dopo il secondo gol alla Germania, senza maglia, è un simbolo dell’Italia che “sta cambiando”. Balotelli è il simbolo di tutti quegli italiani nati da genitori extracomunitari, che sono ancora oggi discriminati. E’ il simbolo di un’Italia multietnica, multiculturale, finalmente un Paese occidentale e moderno. Leggi il seguito di questo post »

Perché fotografare le proprie opinioni, più qualche consiglio per i blogger.

In blogger, futuro on 3 luglio 2012 at 14:43

Il secondo post e mi sento già di dare consigli? Cosa intendo per “fotografia del nostro paesaggio interiore”? Andiamo con ordine.

E’ inevitabile che crescendo il nostro pensiero possa cambiare atteggiamento davanti alla realtà e quindi generare nuove idee, nuove reazioni rispetto a ciò che accade intorno a noi. Facendo esperienze lavorative e di vita, conoscendo nuove persone, nuovi colleghi, leggendo nuovi libri, vivendo momenti storici diversi comprese le mode, e moltissime altre variabili, finiamo con adeguarci alle nuove situazioni. Questo non significa diventare “paraculi” e nemmeno “omologarsi”. Semplicemente non siamo un sasso sulla spiaggia; siamo reattivi agli stimoli esterni, la nostra reattività alle informazioni – ad esempio alle notizie della stampa – può nel tempo mutare. Leggi il seguito di questo post »

“Se la crisi cancella una generazione” condivido e sottoscrivo!

In economia, futuro, giovani, Italia on 3 luglio 2012 at 14:27

Iniziare il proprio blog con un bel copia e incolla non è certo il massimo (!), ma questo articolo di Mario Calabresi pubblicato oggi su “La Stampa” vale davvero la pena di essere letto, linkato, twittato, ecc. ecc. Lo sottoscrivo e lo incollo qui su questo muro digitale perché sia una sorta di manifesto per me, che ancora sono giovane, e per tutti quelli – anche meno giovani – che passeranno a leggere. (a.m.)

Non solo siamo «un Paese vecchio, con idee vecchie», come ha detto Cesare Prandelli ieri mattina, ma siamo anche tanto affezionati al mondo che abbiamo dietro alle spalle da spendere la maggior parte del nostro tempo nel rimpianto invece che nella voglia di futuro e di cambiamento. Leggi il seguito di questo post »