il radar

Posts Tagged ‘crisi’

Mario Monti: capro espiatorio della seconda Repubblica, o quasi.

In economia, elezioni, fermare il declino, futuro, giovani, Italia, politica on 4 settembre 2012 at 18:31

Non è affatto una apologia al Primo Ministro. Si tratta di una accusa alla politichetta della seconda Repubblica e all’agire dell’attuale Governo che è chiaro a tutti – anche agli osservatori esteri – si è lasciato impantanare nella “melma dei privilegi” e delle “caste italiote”.

Sembra ieri e sono passati vent’anni. Manipulite, il sipario sulla prima Repubblica, le speranze riposte nella nuova politica, l’imprenditore prestato alla politica, “sceso in campo”, il restyling della nuova sinistra, la Lega e la questione settentrionale. Quante nuove idee, quanti nuovi volti e voglia di rinnovamento. Persino dall’estero ci invidiavano. Invidiavano quello che avevamo fatto grazie alla magistratura, vedevano l’Italia svoltare, uscire forse una volta per tutte da quella melma di affarismo-lobbismo-gruppi di potere che la inchiodavano da anni sempre agli stessi problemi. E poi?

E poi, oggi col senno di poi, non è cambiato nulla, anzi!

Tutte quelle forze che si erano proclamate rinnovatrici non hanno fatto altro che, una volta conquistato e occupato il potere, reiterare se stesse. Una classe dirigente politica aristocratica, inamovibile, oligarchica. La democrazia trasformata in potere per investitura (anche ereditario in alcuni casi). Da eletti a nominati, partiti personali (o “ad personam”), spartizione delle poltrone, lotizzazione degli enti e delle aree di interesse, e tutto il peggio della prima Repubblica tangenti e corruzione comprese. Leggi il seguito di questo post »

Cambiare la Politica, fermare il declino,tornare a crescere

In economia, fermare il declino, futuro, giovani, Italia, politica, società on 30 luglio 2012 at 19:44

“Dobbiamo fermare il declino italiano, di cui la crisi finanziaria è solo un’aggravante”. Qualcuno con le idee chiare ancora c’è. Di seguito il manifesto tratto da fermare il declino (promotori: Michele Boldrin, Sandro Brusco, Alessandro De Nicola, Oscar Giannino, Andrea Moro, Carlo Stagnaro, Luigi Zingales); buona lettura!

La classe politica emersa dalla crisi del 1992-94 – tranne poche eccezioni individuali – ha fallito: deve essere sostituita perché è parte e causa di quel declino sociale che vogliamo fermare. L’Italia può e vuole crescere nuovamente.

Per farlo deve generare mobilità sociale e competizione, rimettendo al centro lavoro, professionalità, libera iniziativa e merito individuale. Affinché l’interesse di chi lavora – o cerca di farlo, come i giovani e tante donne – diventi priorità bisogna smantellare la rete di monopoli e privilegi che paralizzano il paese. I problemi odierni sono gli stessi di vent’anni fa, solo incancreniti: l’inefficienza dell’apparato pubblico e il peso delle tasse che lo finanziano stanno stremando l’Italia. Perdendo lavoro e aziende, migliaia di persone non sono più in grado di produrre e milioni di giovani non lo saranno mai. Leggi il seguito di questo post »

Se la pressione fiscale non bastasse esiste anche l’estorsione di Stato. Il danno e l’umiliazione degli onesti.

In economia, Italia, politica, società on 23 luglio 2012 at 17:06

Questo articolo è basato su fatti veri, verificabili. Sarò vago solo nell’identificare “il chi” e “il cosa” dell’attività oggetto della “verifica” fiscale, ma vi confermo – e sono pronto a provarlo – che si tratta di una storia vera.

L’attività di cui vi parlo fa parte dell’ampio settore dei servizi. Potrebbe essere una agenzia di assicurazioni, una agenzia di viaggi, una attività che fa da intermediaria offrendo – oltre al proprio servizio di consulenza – i servizi di una grande azienda.

Il genere di attività rende praticamente impossibile generare del “nero”. Oltretutto, vi posso assicurare certo di non poter essere confutato, le persone che gestiscono questa attività hanno una deontologia professionale e un senso del rispetto della legge molto marcato. E i fatti lo dimostrano.

L’attività, inoltre, fa lavorare 4 persone, costituendo per le rispettive famiglie una entrata importante. Come tutta l’Italia questa attività risente della crisi, non da quest’anno ma in genere da 3 o 4 anni, anche perchè il settore in cui opera era già stato investito da una crisi specifica.

Cosa succede e perché parlo di estorsione? Leggi il seguito di questo post »